Zero Infinito Cremisi 2021 Pojer e Sandri
search
  • Zero Infinito Cremisi 2021 Pojer e Sandri

Zero Infinito Cremisi 2021 Pojer e Sandri

16,70 €

Zero Infinito Cremisi di Pojer e Sandri è un vino ancestrale biologico, a ZERO impatto chimico: ZERO in campagna e ZERO in cantina. Il risultato di 80 anni di lavoro di ricerca e 45 vendemmie per arrivare alla purezza, senza alcuna aggiunta esogena. Vino rosato frizzante col fondo dal colore rosa luminoso, tendente al blu. Profumo intenso floreale, note di rosa e ricordi di fragola, lampone e melograno. Gusto succoso, fragrante, sapido. Suggeriamo di farlo decantare in caraffa, o, in alternativa, di agitarlo prima del servizio.

Produttore:

Pojer e Sandri

Formato: 0,75 l

Quantità
Ultimi 0 articoli in magazzino

  • Spedizione gratuita per ordini superiori a 69,99 euro Spedizione gratuita per ordini superiori a 69,99 euro
  • Spedizione in giornata per ordini ricevuti entro le ore 13.00 (esclusi giorni festivi) Spedizione in giornata per ordini ricevuti entro le ore 13.00 (esclusi giorni festivi)
  • Sicurezza 100% sui vostri dati e pagamenti grazie ai protocolli di crittografia Sicurezza 100% sui vostri dati e pagamenti grazie ai protocolli di crittografia

Informazioni utili

Nazione
Italia
Regione
Alto Adige
Annata 
2021
Formato 
0,75 l
Gradazione 
12°
Temperatura
10-12 °C

Descrizione

Tipologia Vini Frizzanti

Vitigni varietà resistenti PIWI

Grado Alcolico 12%

Temperatura di Servizio 10-12 °C

Formato 0,75 lt

Annata 2021

Abbinamenti

Aperitivo, Antipasti, Salumi, Carni bianche, Carni rosse

Produttore

Pojer e Sandri

Pionieri della viticoltura eroica

Produrre vino di gran pregio dai vigneti posti tra la Valle dell’Adige e la Valle di Cembra, precisamente sulla collina di Faedo, collina che a detta di molti possedeva una ridotta vocazione vitata. Arrivando un giorno ad un vino dove la chimica non è ammessa, dove tutto deve seguire un filo logico verso la purezza, la purezza assoluta.

“In un mare di schiava,

coltivata a Faedo e venduta agli Alto-Atesini per produrre il “lago di Caldaro” abbiamo puntato su dei vini quasi rivoluzionari per il momento: la Schiava e il Vin dei Molini vinificati in rosato… freschi, fragranti, profumati e a bassa gradazione, in contrasto con un vino, il “lago di Caldaro”, spesso spento, piatto e addirittura abboccato, dolce, con note calde e sovente ossidate, che stavano nauseando un consumatore sempre più esigente e desideroso di novità”