Vino bianco Zero Infinito metodo ancestrale biologico Pojer e Sandri
search
  • Vino bianco Zero Infinito metodo ancestrale biologico Pojer e Sandri

Vino bianco Zero Infinito metodo ancestrale biologico Pojer e Sandri

15,85 €

Pojer e Sandri con il vino bianco frizzante Zero Infinito, ha voluto utilizzare un vino biologico seguendo il metodo ancestrale.

Il vino bianco frizzante Zero Infinito è a ZERO impatto chimico: ZERO in campagna e ZERO in cantina.

Questo vino biologico è il risultato di ottant’anni di lavoro di ricerca tra Francia, Russia e Germania e trentanove vendemmie in cantina a Faedo.

Grazie a questa ricerca la cantina Pojer e Sandri ha potuto raggiungere la purezza… il frutto della vite trasformato in vino, senza aggiunta esogena.

Risulta essere molto dissetante, ideale per un aperitivo in compagnia.

Produttore:

Pojer e Sandri

Formato: 0,75 l

Quantità
Ultimi 0 articoli in magazzino

Voto 5/5 Basato su 1 recensioni dei clienti
  • Spedizione gratuita per ordini superiori a 69,99 euro Spedizione gratuita per ordini superiori a 69,99 euro
  • Spedizione in giornata per ordini ricevuti entro le ore 13.00 e con modalità di consegna express (esclusi giorni festivi) Spedizione in giornata per ordini ricevuti entro le ore 13.00 e con modalità di consegna express (esclusi giorni festivi)
  • Sicurezza 100% sui vostri dati e pagamenti grazie ai protocolli di crittografia Sicurezza 100% sui vostri dati e pagamenti grazie ai protocolli di crittografia

Informazioni utili

Nazione
Italia
Regione
Trentino
Formato 
0,75 l
Gradazione 
12°
Temperatura
9-10 °C
Vitigni
Solaris

Descrizione

Il vino biologico Zero Infinito di Pojer e Sandri viene prodotto utilizzando uve Solaris, una varietà resistente interspecifica, nata a Freiburg (Germania) nel 1975, anno in cui tra le altre cose, è stata fondata la cantina Pojer e Sandri.

Questo vino andrebbe decantato in caraffa o “agitato prima dell’uso” per chi ama la versione rustica contadina.

I vigneti utilizzati per produrre Zero infinito come vino biologico, sono collocati nel territorio di Maso Rella a Grumes in alta Val di Cembra 800/900 m. s.l.m. con esposizione Sud-Sud/Ovest in forte pendenza.

La mattina, quella posizione del vigneto, risulta essere molto ventilata dai venti della Val di Fiemme e Fassa, mentre nel pomeriggio da sud soffia il vento l’Ora del Garda.

La vite di questo vino biologico viene realizzata con sistema a guyot con 6200 ceppi per ettaro. Il terreno su cui poggia ha avuto origine da roccia vulcanica.

Sensazioni

Il vino bianco frizzante col fondo, dal colore giallo paglierino.

Profumo leggermente aromatico, floreale: fiori di sambuco, fiori di montagna, fruttato: mela Golden, pera, albicocca, pesca, note fresche topicali.

Al gusto: succoso, fragrante, fresco.

Gli aromi percepiti al naso danzano in bocca. Dissetante, aperitivo ideale da bere in compagnia.

Abbinamenti

Da accompagnare con antipasti a base di salumi

Produttore

Pojer e Sandri

Pionieri della viticoltura eroica

Produrre vino di gran pregio dai vigneti posti tra la Valle dell’Adige e la Valle di Cembra, precisamente sulla collina di Faedo, collina che a detta di molti possedeva una ridotta vocazione vitata. Arrivando un giorno ad un vino dove la chimica non è ammessa, dove tutto deve seguire un filo logico verso la purezza, la purezza assoluta.

“In un mare di schiava,

coltivata a Faedo e venduta agli Alto-Atesini per produrre il “lago di Caldaro” abbiamo puntato su dei vini quasi rivoluzionari per il momento: la Schiava e il Vin dei Molini vinificati in rosato… freschi, fragranti, profumati e a bassa gradazione, in contrasto con un vino, il “lago di Caldaro”, spesso spento, piatto e addirittura abboccato, dolce, con note calde e sovente ossidate, che stavano nauseando un consumatore sempre più esigente e desideroso di novità”