Vigneti delle Dolomiti IGT Lezèr 2021 Foradori
search
  • Vigneti delle Dolomiti IGT Lezèr 2021 Foradori

Vigneti delle Dolomiti IGT Lezèr 2021 Foradori

12,50 €

Il "Lezèr" di Foradori è un rosso con le vesti di un rosato da uve Teroldego, nato da un assemblaggio di 10 prove di vinificazione in anfora, legno, acciaio e cemento. Si tratta di un "vino da merenda" che con i suoi aromi fragranti e fruttati e il suo gusto dissetante e molto fresco accompagna perfettamente un tagliere di affettati e salumi.

Produttore:

Foradori Azienda Agricola

Formato: 0,75 l

Quantità

  • Spedizione gratuita per ordini superiori a 69,99 euro Spedizione gratuita per ordini superiori a 69,99 euro
  • Spedizione in giornata per ordini ricevuti entro le ore 13.00 (esclusi giorni festivi) Spedizione in giornata per ordini ricevuti entro le ore 13.00 (esclusi giorni festivi)
  • Sicurezza 100% sui vostri dati e pagamenti grazie ai protocolli di crittografia Sicurezza 100% sui vostri dati e pagamenti grazie ai protocolli di crittografia

Informazioni utili

Nazione
Italia
Regione
Alto Adige
Annata 
2021
Formato 
0,75 l
Denominazione 
Vigne delle Dolomiti IGT
Gradazione 
12,5°
Temperatura
14-15 °C
Vitigni
Teroldego
Affinamento
Vasche di Cemento

Descrizione

Denominazione Vigneti delle Dolomiti IGT

Vitigni Teroldego 100%

Tipologia Vini Rossi

Regione Trentino

Gradazione alcolica 12.5%

Formato Bottiglia 75 cl

Vigneti Da viti di 30 anni allevate a Pergola trentina

Vinificazione Da 10 diverse prove di vinificazione macerate leggermente in cemento, acciaio, legno e anfora

Affinamento 4 mesi in vasche di cemento

Il Lezèr di Foradori è un succoso e divertente rosato a base di Teroldego, ultima creatura di una delle cantine che hanno fatto la storia del vino artigianale. Una splendida new entry, in una versione approcciabile e sorprendente, che rivaluta la duttilità del Teroldego, impiegato prima solo per rossi vigorosi e atti all'invecchiamento. Un'idea che nasce dall'indomita voglia di sperimentazione in casa Foradori, insita in Elisabetta prima, ed oggi in Emilio, a cui è stato passato definitivamente il timone della cantina. La custodia della terra, come principio cardine, in un lavoro che è volto ad accompagnare l'uva nella trasformazione in liquido, senza prevaricarla. No ai lieviti selezionati, no alle sostanze chimiche o di sintesi, per vini emozionanti, lettori fedeli di annata e zona. Ambisce a diventare la bottiglia quotidiana per eccellenza. Attenzione alla "pericolosa" bevibilità!

Il rosato Lezèr è ottenuto a partire da uve di Teroldego in purezza, provenienti da viti di 30 anni allevate con il tipico impianto locale, ovvero la pergola trentina. Il liquido nasce da un assemblaggio di dieci diverse prove di vinificazione, che vengono ottenute da leggera macerazione in contenitori diversi come anfore, legno, acciaio e cemento. Uve sanissime, provenienti da una viticoltura che segue molti precetti della biodinamica fanno da preludio ad una vinificazione poco invasiva, con fermentazione spontanea ed affinamento in vasche di cemento per 4 mesi. Nessuna chiarifica o filtrazione.

Il vino Lezer si palesa nel calice con un'invitante veste rosa intensa tendente al violaceo. Naso estremamente fragrante e gioviale, una vera e propria spremuta di fragoline di bosco e lamponi lasciate a macerare con spezie in infusione. Poi ancora mazzi di fiori rossi e viola, inebrianti. Un profilo irresistibile che richiama a gran voce il sorso. L'assaggio rivela un liquido tutto giocato sulla freschezza e golosità di beva, di una semplicità mai banale e sempre appagante. Ritornano le spezie e la miriade di frutti rossi, e la bottiglia, che sembra contenere quasi un succo di frutta, finisce quasi immediatamente. Se ne consiglia una scorta adeguata!

Colore Rosso violaceo, tendente al porpora

Profumo Fragranti e succosi aromi di frutti di bosco, prugna, ciliegie e richiami floreali

Gusto Molto fresco, succoso, dissetante, beverino e sottile

Produttore

Foradori Azienda Agricola

La conoscenza dei ritmi e dei cicli della natura si è perfezionata nel tempo con l’osservazione: ogni stagione ci porta cose nuove, ogni giorno insegna e ci fa capire.

Abbiamo imparato a metterci in ascolto per cogliere le sottili differenze esistenti in natura, abbiamo imparato a preservare la sincerità del carattere dell’uva nell’espressione del suo luogo d’origine.

La nostra gestualità agricola si eleva così a creatività: abbiamo il compito e il privilegio di alzarci ogni mattino e di essere liberi di lavorare assecondando il messaggio che la terra ci vuole dare in quel momento.

Lavoriamo fra le montagne coltivando principalmente Teroldego e Pinot Grigio nei suoli alluvionali del Campo Rotaliano, Nosiola e Manzoni Bianco sulle colline argilloso-calcaree di Cognola.

Foradori è certificata Demeter e ICEA dal 2009, ma pratica agricoltura biodinamica dal 2002.