Fresco di Masi rosso
search
  • Fresco di Masi rosso

Fresco di Masi rosso

10,40 €

Scoprite Fresco di Masi, due vini biologici, sinceri e all’insegna della genuinità, realizzati con una lavorazione essenziale dal vigneto al calice, per un’esperienza dal sapore autentico e semplice.

Minimizzare l’intervento dell’uomo sulla natura, per un ritorno alle origini e alla ricerca dell’essenza del vino: questa l’idea da cui nasce Fresco di Masi. Il risultato? Vini “realizzati in modo semplice come una volta, ma buoni come ci aspetta oggi”, poco lavorati e moderatamente alcolici, caratterizzati da un gusto immediato di frutta fresca.

Produttore:

Masi

Formato: 0,75 l

Quantità

  • Spedizione gratuita per ordini superiori a 69,99 euro Spedizione gratuita per ordini superiori a 69,99 euro
  • Spedizione in giornata per ordini ricevuti entro le ore 13.00 (esclusi giorni festivi) Spedizione in giornata per ordini ricevuti entro le ore 13.00 (esclusi giorni festivi)
  • Sicurezza 100% sui vostri dati e pagamenti grazie ai protocolli di crittografia Sicurezza 100% sui vostri dati e pagamenti grazie ai protocolli di crittografia

Informazioni utili

Nazione
Italia
Regione
Veneto
Annata 
2020
Formato 
0,75 l
Gradazione 
11,5°
Temperatura
12-13 °C
Vitigni
Merlot, Corvina

Descrizione

I valori che il nuovo nato in casa Masi porta con sé sono racchiusi nel nome “Fresco di Masi”, scelto per indicare la massima naturalità e integrità di un vino genuino prodotto da uve biologiche vendemmiate nelle ore più fresche e vinificate immediatamente, senza appassimento, senza passaggio in legno, solo con i lieviti selvaggi dell’uva, decantato e non filtrato.

Due le etichette proposte: Fresco di Masi Rosso Verona IGT, dalle piacevoli note di frutta fresca, dalla melagrana al ribes all’immancabile sapore di ciliegia che ne lascia distinguere l’origine veronese; Fresco di Masi Bianco Verona IGT, dai sentori di ananas e agrumi e i delicati profumi dei fiori di campo.

Anche la scelta della confezione è 100% sostenibile: la bottiglia in vetro leggero e trasparente, quasi a dare la sensazione di tenere il vino nel palmo della mano, il tappo in sughero naturale, l’assenza di capsula per essere totalmente plastic free. L’etichetta reinterpreta il disegno originale dei vini icona di Masi con una scelta di colori pop.

Fresco di Masi è una nuova linea di vini biologici lavorati artigianalmente, dal grado alcolico contenuto, per un’esperienza dal sapore autentico. Vini fatti “in modo semplice come una volta ma buoni come ci si aspetta oggi”.

Ottenuto da uve raccolte nelle ore più fresche e immediatamente vinificate, Fresco di Masi Rosso ha una spiccata fragranza e piacevoli note di frutta fresca: dalla melagrana al ribes all’immancabile nota di ciliegia che ne lascia distinguere l’origine veronese.

Vitigni

Corvina e Merlot

Note organolettiche

Aspetto rosso cerasuolo chiaro

Olfatto frutta fresca

Palato ciliegia, melagrana, ribes

Temperatura di servizio

12-14° C

Gradazione alcolica

11,5% vol.

Abbinamenti

sorprendente come aperitivo e con cibi semplici della cucina mediterranea come pasta, piatti vegetariani, taglieri di salumi e formaggi.

Produttore

Masi

“Sono nato in Valpolicella Classica e la terra dell’Amarone è la mia terra. Bisogna essere nati qui, in queste colline, da famiglie di viticoltori, e aver vissuto nella tipica casa di antica fattura per capire cosa l’Amarone rappresenti: più di una tecnica, più di un vino, è una filosofia, un’arte, e anche oltre: un convivente importante”.

Così Sandro Boscaini, Presidente di Masi, descrive il legame con la sua terra, la Valpolicella, e con il suo vino simbolo. Conosciuto nel mondo come Mister Amarone, Boscaini ha contribuito con il suo lavoro e con la sua passione a fare dell’Amarone uno dei simboli del Made in Italy nel mondo. Una grande responsabilità per un vino dalla storia lunga e straordinaria.

Numerose testimonianze storiche, archeologiche e letterarie ci dimostrano che nelle colline veronesi gli antichi Romani ponevano ad appassire le uve su graticci di bambù nei freddi mesi invernali, e poi ne producevano un dolce nettare, molto concentrato, cantato dagli autori classici con il nome di Reticum, divenuto poi Acinaticum in epoca Medievale.

La tradizione è stata tramandata nel tempo e nella seconda parte del secolo scorso la versione dolce di questo vino - il Recioto - è stata superata dalla versione secca, frutto di un più lungo processo di fermentazione che trasforma tutti gli zuccheri in alcool.

È nato così il Recioto Amarone, recentemente riconosciuto Amarone della Valpolicella. Si tratta di un vino dalle tante unicità: l’area di produzione, la Valpolicella, anfiteatro collinare tra Verona e il Lago di Garda; le uve autoctone Corvina, Rondinella e Molinara; la tecnica dell’Appassimento e le caratteristiche peculiari: alla forza e struttura unisce grande equilibrio e rotondità.

Negli ultimi cinquant’anni Masi e il suo Gruppo Tecnico hanno contribuito all’evoluzione dell’Amarone, rendendolo un vino moderno, amato e apprezzato in tutto il mondo. Con la produzione di cinque Amaroni e tre Recioti, Masi propone la più ampia e qualificata gamma presente sul mercato internazionale.